m2act@Gessnerallee

L’evento pubblico di tre giornate si è svolto alla Gessnerallee di Zurigo e ha fornito una piattaforma ibrida di scambio e collaborazione rivolta alle attrici e agli attori delle arti della scena. Era dedicato alla pratica equa, sostenibile e orientata all’impatto nelle arti della scena e nel sistema dei finanziamenti in ambito culturale. Le tre giornate sono stati coronati da passeggiate e da contributi performativi che si terranno nel Gessnerallee e nei dintorni. Dettagli

GIOVEDÌ, 23.09.2021

Il primo giorno è stato dedicato alle prassi eque nelle arti della scena. Ad inaugurare l’evento, la mattina di giovedì, FAIRSPEC e Reso – Rete Danza Svizzera, insieme ad altri protagonisti hanno preso la parola all’inizio. Le due organizzazioni hanno dato uno spaccato di vari approcci, hanno mostrato in che modo elaborare linee guida e modalità di lavoro etiche e come sia possibile applicare direttamente tali visioni. Il pomeriggio il tema delle prassi eque è stato approfondito nell’ambito del Barcamp di m2act. Per questo formato di conferenza aperta, i partecipanti hanno elaborato i propri contenuti. In numerosi workshop co-creativi e diversi formati di scambio e networking, i partecipanti sono stati in grado di pensare a soluzioni attuabili concretamente, avanzare proposte e formulare approcci lungimiranti da implementare sul palcoscenico, e sviluppare e dare forma alle idee che ne scaturiscono. Programma

VENERDÌ, 24.09.2021

Durante il secondo giorno il focus si è concentrata sulla sostenibilità ecologica nelle arti della scena. La mattina all’associazione Vert le Futur ha discusso e dibattuto con i fornitori di input e i partecipanti del campus su come la sostenibilità ecologica condiziona la cultura e come le arti della scena possano fare un passo avanti verso un futuro più sostenibile. Il pomeriggio si è svolto un altro Barcamp, questa volta però il tema verterà sulla sostenibilità. Programma

SABATO, 25.09.2021

Il terzo giorno ha fornito una visione d’insieme sui nuovi modelli di incentivazione. Gli ospiti e i partecipanti del campus hanno discusso su come sia possibile fare in modo che quella che è la complessa rete rappresentata dal sistema dei finanziamenti in ambito culturale sia più orientata all’impatto e a un approccio equo, con risultati concreti. Nel pomeriggio, il «FAIRy Circus» è stato uno scenario sperimentale nell’ambito del nuovo processo di finanziamento di m2act: tra le idee inoltrate nella cornice di m2act Call for Proposals 2021 sono stati selezionati otto progetti. Sotto la guida del performer Martin Schick, gli autori delle idee hanno distribuito tra loro i 100’000 franchi previsti e altri contributi materiali e immateriali. Così facendo, m2act sperimenta un prototipo di processo solidale vertente sulla condivisione nella promozione della cultura. Programma

Foto: Nicolas Gysin